sabato 15 marzo 2008

VAS Ospedale S. Anna: voci dal profondo (riunione del 14.3.08)

Venerdì 14 marzo La Città Possibile - cortesemente invitata - era presente all'avvio del procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del progetto di recupero dell'area dell'ex ospedale S.Anna. Come si legge nel sito del Comune di Como, la Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S)
... è un processo finalizzato a documentare la compatibilità ambientale delle scelte urbanistiche dell’Amministrazione integrando a tal fine considerazioni di natura ambientale, archeologico-culturale e paesaggistiche nei piani e nei programmi attraverso lo svolgimento di consultazioni, la valutazione di un rapporto ambientale e la messa a disposizione delle informazioni in merito alle decisioni prese.
Si tratta di un passo importante per la città e di un processo che, oggi obbligatorio, è pur sempre estremamente innovativo. Tuttavia, quanto uscito sui giornali non rende quello che è accaduto realmente: due ore per spiegare, da parte di chi sedeva la tavolo delle autorità, il progetto che il Comune (o meglio, la Regione) ha in mente per l'area ex S. Anna, mezz'ora di interventi, cominciati con l'arch. Cosenza della Provincia, che in poche parole ha fatto capire che delle due l'una: o si varia l'Accordo di Programma stipulato nel 2004 per la realizzazione del nuovo ospedale, oppure la VAS è meglio che non cominci neppure.

Perche? Perchè sta di fatto che dopo due ore di belle parole e slide una cosa si è capita: il nuovo ospedale ha bisogno di altri soldi e per averli bisogna aumentare le volumetrie da mettere a reddito, ribaltando la ripartizione 60% publico / 40 % privato della variante del 2004 (sempre ammesso che bastino ...).

Se era così, bastava dirlo. Non c'era bisogno di schierare le alte dirigenze del Comune di Como per poi ascoltare il vero attore della mattinata, ossia Infrastrutture Lombarde S.p.A., che, incaricata - ma lo si è scoperto solo alla fine - dall'Azienda Ospedaliera, ha illustrato a grandi linee un progetto che prevede di ribaltare - guarda caso a favore del privato - la percentuale pubblico/privato dettata dalla variante approvata all'epoca dell'accordo di Programma del 2004. Il perché di questo ribaltamento non è stato detto, né è stato detto perché associazioni ambientaliste e stampa si siano dovute sorbire l'illustrazione del progetto di variante al piano regolatore quando erano state chiamate a discutere degli effetti che questo progetto potrebbe avere sul territorio. Non per niente si parla, infatti, di valutazione Ambientale strategica. Ma tant'è: forse bastava dire che i soldi per il nuovo ospedale non bastano più e che bisogna fare ancora più cassa dal vecchio ospedale.

Dopo di che le riflessioni, che Città Possibile è riuscita a fare ^al volo^, senza aver avuto la possibilità di leggere un solo dei documenti elaborati dagli uffici e dal prof. Paolillo, del Politecnico di Milano - pubblicati alle 09:41 dello stesso giorno sul sito del Comune, come il direttore responsabile del Giornale del Comune di Como, Marco Fumagalli ha alla fine dovuto ammettere -.

Ricordiamole:
  1. la VAS riguarda piani o progetti. Dov'è il piano o il progetto? Allo stato della pianificazione territoriale del comune di Como dovrebbe essere la variante del 2004. Ma quello che ci è stato illustrato è tutt'altro;
  2. la VAS non dovrebbe dirci quali sono gli effetti sull'ambiente delle scelte urbanistiche? e perchè il 99% del tempo è stato utilizzato per illustrare quello che la Regione Lombardia vuole dall'area ex S. Anna e non le conseguenze di tali progetto?
  3. è stato citato un fantomatico Piano Direttore, istituto sconosciuto alla legislazione lombarda prima che ai consiglieri comunali, che avrebbe il compito di inquadrare le future varianti. Una riflessione dell'ufficio legale del Comune sulla legittimità di una simile procedura è forse necessaria;
  4. il 31 marzo 2009 scade il termine per l'approvazione dei Piani di Governo del Territorio (articolo 25 l.r. 12/2005). Se questo non avviene, gli strumenti urbanistici vigenti perderanno di efficacia. Compreso questo. Cosa aspetta il Comune a stendere il PGT, adottarlo e a approvarlo, invece di progettare - con il beneplacito dei privati - attraverso la pianificazione di singoli pezzi di territorio e affidando a singoli episodi il futuro di questa città?
  5. l'area S.Anna è il ^tappo^ che la variante generale al Piano Regolatore del 1969 individuava per evitare che la conurbazione urbana e la convalle si fondessero nella città da 1.000.000 di abitanti del vecchio PRG. Cosa succederà facendo saltare il tappo e fondendo le due aree? Forse qualche risposta qualcuno dovrebbe darla ...
  6. perchè si vuole passare da una ripartizione 40% privato / 60% pubblico ad una percentuale inversa? nessuna risposta; come nessuna risposta è stata data dall'analisi comparata tra previsione attuale e desiderata di Lombardia Infrastrutture. La VAS non dovrebbe servire a dire quale soluzione sia migliore e non cosa fare per mitigare gli effetti della scelta più impattante?
  7. perchè portare in VAS un progetto che formalmente non esiste? forse si vuole utilizzare la VAS per non avere sorprese in Consiglio comunale?
Insomma: dopo tante parole sulla VAS e sulle caratteristiche di partecipazione diffusa che la caratterizza, forse gli amministratori si aspettavano sorrisi e pacche sulla spalle da parte delle associazioni presenti, che qualcuno ha immaginato gratificate dalla convocazione. Non è stato così. E l'impressione è che non lo sarà. Insomma, ognuno farà - giustamente - la sua parte, nel rispetto delle altre. Tutti insieme, si spera, quella della città.

P.S. 1
Complimenti al Corriere di Como, che - tramite il suo articolista - dopo aver chiesto al presidente di Città Possibile di rendergli ^in chiaro^ il contenuto del suo intervento e dopo aver ottenuto l'invio di una mail in tal senso in brevissimo termine, è riuscito a confezionare il pezzo senza neppure citare non diciamo il presidente ma neppure la stessa Città Possibile. Leggere per credere: Il Corriere di Como, 15.3.08.

1 commenti:

nicoletta ha detto...

Ho appena scoperto in rete quello che sta succedendo a Como. Lo sapete che a Bergamo sta succedendo la stessa cosa? Nuovo ospedale già quasi finito, soldi che non bastano, area dell'attuale ospedale in vendita con suddivisione che da 50% privato, 50% pubblico è passata a un 70% privato, 30% pubblico secondo il progetto di Infrastrutture Lombarda SpA. Il motivo: è scaduto l'accordo di programma e servono i soldi anche per i macchinari dell'ospedale! Inoltre: pochi servizi al quartiere dell'attuale ospedale, ma migliaia di abitanti in più. Uniamo le forze!

 
Copyright 2009 La Città Possibile Como
Convert By NewBloggerTemplates Wordpress by Wpthemesfree